Scuola superiore: meno bocciati, ma aumentano “giudizi sospesi”

Nella secondaria di secondo grado diminuiscono gli studenti bocciati a giugno, ma aumentano quelli che devono recuperare almeno una insufficienza per essere ammessi alla classe successiva: lo rende noto il Ministero con un comunicato di queste ore.

Diminuiscono i bocciati

Nelle scuole secondarie di II grado il 7,1% delle studentesse e degli studenti dovrà ripetere l’anno scolastico (l’anno scorso furono il 7,5%).
La  maggiore percentuale di ripetenze si registra negli istituti professionali (poco meno del 12%) e negli istituti tecnici (9,5%).
Le maggiori criticità si hanno come sempre al primo anno di corso, al termine del quale la percentuale media di non ammessi alla classe successiva supera l’11%.

“Gli scrutini di fine anno nella secondaria di II grado – rileva il Miur – fanno emergere anche un incremento delle sospensioni di giudizio: alunne e alunni che devono recuperare almeno un’insufficienza sono il 22,4%, contro il 21,7% del 2016/2017. Sardegna e Lombardia, rispettivamente con il 28,6 e il 26,2% di studentesse e studenti con giudizio sospeso, sono le regioni con le percentuali più alte. Puglia e Calabria quelle con le più basse (con 16 e 16,8%)”.

Secondaria primo grado: promossi tutti (o quasi)

Nella secondaria di primo grado continuano ad aumentare i promossi: si passa dal 97,7% dello scorso anno al 98,1% di quest’anno.
A livello regionale, il tasso di ammissione alla classe successiva più elevato si registra in Basilicata (99,1%) e, a seguire, in Puglia e nel Molise (entrambe con il 98,7%).
Curiosamente se una leggera inversione di tendenza nell’esame di Stato conclusivo del primo ciclo: quest’anno i promossi sono stati il 99,5% quest’anno, contro il 99,8% del 2016-2017.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.